News dal mondo dei trapianti d'organo
Claudio Paolini Avvocato

Il congedo per cure

Trattando della disciplina legale del demansionamento e del licenziamento per superamento del periodo di comporto e per inidoneità sopravvenuta allo svolgimento della mansione, abbiamo visto fino a che punto la patologia di chi deve sottoporsi a trapianto o ha già affrontato l’intervento possa arrivare a incidere sulla propria vita lavorativa e, in alcuni casi, sulla […]

Continua a leggere
Claudio Paolini Avvocato

Inidoneità al lavoro e licenziamento: i diritti del paziente e dell’azienda a confronto

Abbiamo visto, in precedenza, che, qualora il medico competente abbia accertato la inidoneità del lavoratore alla sua mansione specifica di assegnazione, causata dalle sue condizioni di salute, il datore di lavoro è tenuto ad assegnarlo a mansioni a questa equivalenti. Qualora queste non siano presenti nel contesto aziendale, il nostro ordinamento, al fine di preservare […]

Continua a leggere
Piercarlo Salari Pediatra

Il “procurement”

“Procurement” è un temine inglese, ed anche se non parlate questa lingua, per assonanza con la nostra potete immaginare il significato: “procurare”. Questa parola, applicata a un ambito particolare della scienza e della Medicina dei trapianti, assume il significato di “reperimento”. Il procurement, dunque, identifica l’insieme di attività e processi per selezionare un potenziale donatore […]

Continua a leggere
Piercarlo Salari Pediatra

Il trapianto “split” di fegato

Se in un primo tempo il trapianto di fegato, effettuato per la prima volta nel 1963 presso l’Università del Colorado (in Italia nel 1982 a Roma), era considerato una procedura sperimentale, dopo gli anni 80 è diventato un’indicazione elettiva per la cura di numerose malattie epatiche non altrimenti curabili. Recentemente, inoltre, si è sviluppata la […]

Continua a leggere
Paolo Solidoro Pneumologo, ricercatore, dirigente medico

Quale attività fisica dopo il trapianto di polmone

La sopravvivenza, sia in soggetti sani che in pazienti affetti da patologie croniche, respiratorie, cardiologiche e metaboliche, è direttamente correlata all’attività fisica; obiettivo di ogni terapia, medica e chirurgica, è quindi anche il ripristino e l’ottimizzazione dell’attività motoria. In particolare nel trapianto polmonare la sostituzione di un organo fondamentale nella ossigenazione di organi e tessuti […]

Continua a leggere
Claudio Paolini Avvocato

COS’È IL PERIODO DI COMPORTO E IL RISCHIO LICENZIAMENTO

Il lavoratore affetto da una patologia di gravità tale da rendere necessario un trapianto può avere la necessità di assentarsi dal lavoro per motivi di salute o per sottoporsi a controlli medici ed esami, anche ripetutamente e/o per periodi prolungati di tempo. Egli, pertanto, può, suo malgrado, incontrare la problematica derivante dal superamento del periodo di […]

Continua a leggere
Piercarlo Salari Pediatra

Dopo trapianto d’organo il parto vaginale è più sicuro

Il parto vaginale nelle donne in gravidanza con una storia di trapianto di fegato o rene non comporta rischi maggiori per il l’esito del trapianto o per il bambino. Risulta invece il contrario per il taglio cesareo programmato. Questa osservazione è emersa da uno studio americano, pubblicato sulla rivista internazionale JAMA Network Open, in cui […]

Continua a leggere
Alessandro Busca Ematologo

LA DONAZIONE DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE: COME AVVIENE E COME IMPATTA SULLA QoL DEL DONATORE

Il trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche si basa sulla somministrazione di chemio/radio-terapia ad alte dosi che distruggono in modo irreversibile l’attività emopoietica del midollo osseo, ovvero la produzione dei componenti cellulari del midollo: globuli bianchi, globuli rossi e piastrine. L’attività del midollo viene quindi ripristinata grazie al trapianto delle cellule staminali emopoietiche (CSE) di […]

Continua a leggere
Federica Invernizzi Gastroenterologo, Epatologo, Ecografista

IL RECUPERO FUNZIONALE E LA QUALITÀ DI VITA DOPO IL TRAPIANTO D’ORGANO

Il trapianto di organi solidi è spesso l’unico trattamento per i pazienti con insufficienza d’organo allo stadio terminale. Esso consente ai riceventi di riprendere molte attività personali e sociali con un maggiore senso di benessere. La qualità della vita correlata alla salute (HR-QoL) è definita come l’autovalutazione della salute che comprende lo stato fisico, la […]

Continua a leggere
Claudio Paolini Avvocato

DIFENDERE IL LAVORO POST TRAPIANTO DI ORGANO

Ogni modifica peggiorativa della condizione professionale, intervenuta in concomitanza e/o successivamente a un trapianto, che non sia fondata su motivazioni oggettive e dimostrabili, può essere oggetto di contestazione da parte del lavoratore presso tutte le sedi opportune. Il cambiamento della mansione/qualifica professionale non può, di per sé, essere basato sulla sola condizione di essere stato […]

Continua a leggere
Alessandro Busca Ematologo

DA COSA DIFENDERSI DOPO IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE

Il trapianto allogenico di cellule staminali consiste nella somministrazione di chemio/radio-terapia ad alte dosi seguita dalla reinfusione delle cellule staminali prelevate ad un donatore idoneo che puo’ essere un familiare compatibile ovvero un donatore volontario presente nei Registri internazionali di donatori. La chemio/radio-terapia ad alte dosi determina una marcata riduzione dei valori dei globuli bianchi, […]

Continua a leggere
Paolo Solidoro Pneumologo, ricercatore, dirigente medico

L’INFEZIONE DA CITOMEGALOVIRUS NEI PAZIENTI TRAPIANTI DI POLMONE.

Il trapianto polmonare costituisce una scelta terapeutica consolidata nelle patologie respiratorie end stage in cui terapie mediche e chirurgiche siano inefficaci. La terapia immunosoppressiva, l’interruzione chirurgica della clearance mucociliare, la perdita di integrità del sistema linfatico, la denervazione, sono fattori di rischio per l’insorgenza di infezioni. Il citomegalovirus (CMV) è un beta herpes virus che […]

Continua a leggere
Chat Bot
Reload
Close

Ciao, sono il signor Vitale, il tuo assistente online

Sono qui per rendere più semplice la tua navigazione

Iniziamo a conoscerci, chi sei?

Un caregiver

● Sì

Un paziente

● Sì

Un utente interessato ai trapianti d'organo

● Sì

Che tipo di caregiver?

Di una persona in attesa

● Sì

Di un individuo trapiantato

● Sì

Che tipo di paziente?

In attesa di trapianto

● Sì

Già sottoposto a trapianto

● Sì
Chat Bot